Tag

Coordinate spazio-temporali: tempo luglio 1951, luogo St. Petersburg, in Florida.

“Orco, la nonnina dorme, mah … meglio che la sveglio e glielo dico, eh? Ehi … buongiorno nonnina, si svegli per favore. Lei è la signora Mary Reeser, non è vero?”.

“Ehhh …? Chi mi chiama? Oh … ma che ci fai nella mia camera ragazzino? Non ti vergogni? E poi senti, non mi sento molto bene, ti dispiace andartene subito per favore?”.

“Eh signora, me ne vado subito, volevo solo chiederle scusa perché se ora si sente male un poco è colpa mia, eh?”.

“Ma cosa dici bambino? Ho solo un poco d’emicrania, come può essere colpa tua?”.

“Eh signora, io mi chiamo Birbo e vengo dal futuro, e … insomma … beh … a volte prima di fare un viaggio nel passato cerco di trovare qualcosa d’interessante da vedere, capisce? Di solito cerco persone o avvenimenti tanto importanti da divenire punti nodali della storia, mi ci ha capito?”.

“Oddio che caldo … passami quel bicchiere d’acqua per favore”.

“Ecco … beva piano, eh nonnina? Bene, come le dicevo poco fa ero nel laboratorio del mio babbo e stavo usando il suo … chiamiamolo cronovisore, ecco, e per colpa di una lieve assonanza ho regolato la lente temporale su … di lei, ecco. Poi … eh… c’è stata pure una casuale dispersione d’energia, che naturalmente si è incanalata nella linea di frattura temporale che la indicava … e … così capisce … eh …”

“Ma che stai cianciando ragazzino? Dove sarebbe questo lento temporale?”.

“Ho detto LENTE signora, come … ha presente quella che usano gli studiosi d’insetti? Ecco … solo molto più grande. Beh … lei sa cosa può succedere guardando una formica attraverso una grossa lente d’ingrandimento?”.

“Ma … che mi sta succedendo? Io … mi sento malissimo”.

“Eh … può pure capitare che i raggi del sole attraversano la lente e si concentrano sulla formichina, che così brucia, eh? Però lo scienziato non c’entra mica, eh? E’ stato un incidente, ecco, che poi magari lui si sente anche un poco in colpa… e allora se potesse cercherebbe di spiegare cos’è successo alla sfortunata formichina“.

“La testa mi scoppia … tutte queste chiacchiere assurde … e questo gran caldo “.

“E allora ho trovato le coordinate del posto dov’era successo l’inconveniente “.

“Io … mi sento “.

“E ci sono venuto alcuni minuti prima che la povera formichina… beh … “.

“Cosa? Ma che dici?”.

“ …prendesse fuoco per autocombustione … ecco. Però non c’è niente di personale, perché è stato solo un esperimento di laboratorio svolto per il bene della scienza … quindi lei cara formic … ehm … nonnina, di certo ora ha capito e mi perdona, vero eh?”.

“Io … SsssSWOSHhhhhhhhh”.

“Beh, la nonnina è finita in cenere … non ha fatto in tempo a dirlo ma certo mi ha scusato. Cof … cof … non si respira … cof … cof … meglio tornare nel futuro …cof … cof … che devo ancora terminare l’esperimento… cof … e visionare cof … cof … luogo e momento in cui … cof … la mia Marilyn Monroe…cof … si spoglia per farsi la doccia …cof “.