Tag

 

Coordinate spazio-temporali: tempo estate del 1425, luogo un terreno agricolo ai margini del piccolo villaggio di Domrémy

“Ehi … buongiorno eh? Ah … ma dove sono capitato stavolta? Orco, ma sono sui rami più alti di un gigantesco pero, ma che ci faccio quassù? Eh … però le pere sono piccole ma buone e … ah, lo sapevo che c’era qualcuno, che a volte non so dove vado, ma quando appaio io c’è sempre qualcuno attorno che fa qualcosa d’interessante, uhm … una fanciulla, sdraiata ai piedi dell’albero, ora la chiamo. Ehi … ragazzina … puoi dirmi chi sei e cosa stai facendo laggiù?”.

“Cosa …? Chi mi sveglia dal mio dolce assopimento? E da dove giunge questa fievole voce?”.

“Ma che fievole e fievole, sono io, sono un viaggiatore del tempo e mi chiamo Birbo, guarda in alto ragazzina, mi sono materializzato quassù, se sei mezza sorda te lo urlo anche, guarda sulla cima DEL PERO”.

“Hai detto dal cielo? Scusa ma non capisco bene, veramente hai detto che la tua voce viene dal cielo?”.

“Ma che cielo e cielo, io sono QUASSU’, mi vedi ora? ”.

“Oh … hai detto che sei Gesù? Sei davvero tu che stai parlando alla tua Giovanna che ti vuole tanto bene?”.

“Oh… per la MADONNA, oh Giovanna, ma sei sorda o mi prendi in giro?”.

“Ah … ora è arrivata anche la tua mamma, la Madonna? E cosa posso fare per servirti ed onorarti mia Dolce Signora?”.

“Eh … magari potresti provare a battere la testa contro il tronco del pero, ma forte eh? Che tanto puoi solo migliorare. Senti ragazzina, la smetti di prendermi per il culo? Anzi, fai una bella cosa, LASCIAMI in pace e tornatene a CASA TUA”.

“Che dici buona Signora?… Che devo lasciare la mia casa? Ma perché?”.

“Sì. Orpo, questa mi piglia davvero per il culo, sarà meglio che me la BATTA”.

“Hai detto batta mia Signora? Volevi dire battaglia forse? Per questo devo lasciare la mia casa? Ma per quale battaglia, e contro chi mia Signora?”.

“Porca miseria ragazza, mi dispiace di avere solo delle pere da tirarti, perché giuro che niente mi farebbe più piacere che gettarti in testa un martello, o magari anche una grossa e pesante chiave INGLESE”.

“Ah … ora vi comprendo Signora, Voi mi ordinate di lasciare la mia casa per andare a combattere gli invasori inglesi, vero? Però non capisco perché lo chiediate proprio a me, io sono solo una debole ragazza, lo sapete vero?”.

”Ma quale debole e debole, tu di debole ha solo L’UDITO”.

“Sì, certo che ho udito i tuoi comandi Madre Celeste. Io ancora non mi sento all’altezza dell’alto incarico che hai voluto affidarmi, ma se TU dici che devo andare allora io vado … “.

“ECCO,BRAVA, VAI, VAI SUBITO… Ohhhh … quella pestifera ragazzina se n’è finalmente corsa via, meno male. Beh … stavolta non mi è capitato proprio niente d’interessante, ma almeno ho la soddisfazione di non aver modificato il corso del futuro facendo qualcosa di sbagliato, e per di più tutto sommato me la sono cavata in fretta, e se torno subito a casa posso ancora vedere il secondo tempo di Italia-Inglefrancia ”.