Tag

,

Coordinate spazio-temporali: tempo 12 giugno 1942, luogo un misterioso laboratorio all’interno di un edificio del segretissimo “Progetto Manhattan”.

”Ehi … c’è nessuno? Oh … buongiorno signore, lei chi è e cosa sta facendo?”.
“Ma … tu piccoletto sei appena apparso.. dal nulla?”.
”Certo … io mi chiamo Birbo e posso muovermi nel tempo; e infatti ora vengo dal suo futuro. Ma parliamo di lei prego, cortesemente vuole rispondermi?”.
“Beh … io sono un fisico .. e il mio nome è Robert Oppenheimer”.
“Ah … ma io la conosco signore, lei è famoso nella mia epoca, sa?”.
“Io famoso? E per cosa sarei famoso?”.
“Beh … chiaro, lei è famoso per la bomba atomica”.
“Ma come … quello è un progetto segretissimo, tu come fai a sapere che… “.
”Eh, caro mio, non le ho detto che vengo dal futuro? Dall’anno 2014 per l’esattezza”.
“E nel futuro si useranno le bombe atomiche?”.
“Certo, ogni tanto si fa un test con piccole bombe sempre più efficienti, lassù sulla faccia nascosta della Luna”.
“Sulla Luna? Non sulla Terra? Magari per fermare l’avanzata dei tedeschi?”.
”I tedeschi li fermerete senza bisogno di bombe atomiche. Del resto nessuna bomba è mai stata fatta esplodere sulla Terra, sarebbe un atto folle e criminale, sa, le radiazioni. Ah, ovvio che si dovrà aspettare i primi viaggi d’esplorazione lunare, ma non sono molto distanti, solo una ventina d’anni”.
“Ma allora si useranno le bombe atomiche senza pericolo? Vedi, alcuni di noi temono che una volta avviato il processo di fissione niente possa poi fermarlo, e quindi anche una sola bomba incendierebbe tutta l’atmosfera terrestre. Io stesso mi ero convinto a fare opera di persuasione sul Presidente, perché questi studi teorici rimanessero segreti e non fossero mai applicati in pratica, se non in caso d’estrema necessità”.
”Ma scherzate signore? Vi assicuro che le bombe non sono poi tanto pericolose, e poi si useranno solo per controllati esperimenti scientifici, e solo nell’atmosfera lunare, eh?”.
“Bene … allora dobbiamo continuare … però … sei davvero sicuro che la bomba atomica sarà usata con saggezza?”.
”Badi signore che l’idea del motore ad Asse G nascerà proprio da questi esperimenti sulla Luna, e perciò è stato grazie al Progetto Manhattan, che nel 1996 ci sarà energia pulita e a basso costo per l’intera umanità. Si figuri che l’abbiamo usata per rimodellare il pianeta e … guardi, le dico solo questo, lei compri oggi per pochi centesimi qualche ettaro del deserto del Sahara, e tra poco più di vent’anni potrà piantarci un vigneto, e poi potrà vendere la migliore uva del mondo agli abitanti dei satelliti artificiali terrestri”.
“Piccolo mio, mi hai convinto. Allora io procedo nel mio lavoro senza preoccuparmi d’altro, e davvero posso essere sicuro che i militari non lo useranno mai come arma?”.
“Eh certo. Ma lei davvero credeva che i militari fossero così stupidi da usare una simile arma nell’atmosfera terrestre? Stia tranquillo, e convinca anche gli altri fisici a darsi da fare e smetterla coi dubbi e le proteste, eh? Che vedrà che le sue prime rozze bombe non saranno fatte esplodere, ma verranno esposte in un museo per la gioia di milioni di visitatori, e stia tranquillo che grazie al suo lavoro un meraviglioso futuro ci attende”.
“Oh .. adesso sono molto più tranquillo. Grazie piccolo visitatore dal futuro, tu non puoi capire quanto sono contento, perché dopo tanti anni per merito tuo stanotte potrò finalmente dormire sonni tranquilli”.
”Di niente, si figuri. Del resto la capisco benissimo, perché anch’io sono contento che questa volta non ho alterato la storia, e anzi, la ci ho convinta a non prendere una decisione che avrebbe potuto modificarla, magari persino causando un mondo in cui la scienza atomica s’occupassero solo di creare armi, invece di trovare nuovi modi per rendere sempre più bello e pacifico il nostro meraviglioso e verde mondo, eh?”.